La morfologia della parte emersa dell'isola si rispecchia sott'acqua con ripidi pendii ricchi di flora e fauna sottomarina.

Immersioni Capri

Con una natura lussureggiante, un mare straordinario, panorami mozzafiato, Capri è l’isola più bella e visitata del Mediterraneo. La sua bellezza e la sua fama sono note da tempi lontani quando gli antichi l'avevano legata ai miti di Ulisse e delle Sirene e ancora oggi attrae numerosissimi visitatori. L'isola è di origine calcarea, separata dalla terraferma da uno stretto, e presenta numerosi rilievi. Il mare da cui emerge è particolarmente profondo, le coste sono aspre, frastagliate e ricchissime di grotte fra le quali la più famosa è la Grotta Azzurra. Ma ciò che colpisce di più, a picco nel mare, sono i celebri faraglioni, piccoli isolotti rocciosi dalle forme più variegate, che sembrano emergere dalle acque azzurre e profonde puntati verso il cielo.
Salto di Tiberio

Salto di Tiberio

Ci ancoriamo nella piccola baia sotto l'incredibile scogliera dalla cui cima anticamente venivano scraventati i poveri schiavi indesiderati dall'imperatore romano Tiberio. Da qui prende il nome tale immersione. Dalla baia si prosegue mantenendo la parete a destra fino a raggiungere  un fondale che scende verticalmente, molto luminoso e pieno di vita, dalle gorgonie rosse e gialle a diversi tipi di spugne e pesci di tana.
Traliccio di Punta Carena

Traliccio di Punta Carena

La parete, ricchissima di coralligeni e gorgonie precipita immediatamente verso profondità impegnative, tanto da riservarla esclusivamente a subacquei tecnici. Alla base della stessa parete, siamo già oltre i 50 m e, adagiato sulla sabbia, un grosso traliccio, si protende verso mare aperto fino ad arrivare a 62 m. Ricoperto di vegetazione, spugne, tunicati, gorgonie rosse e bicolori, è sempre avvolto da migliaia di Anthias. Complice l'acqua sempre trasparente, lo spettacolo è davvero mozzafiato. Non è raro incontrare nei mesi più caldi pesci luna. La risalita avviene rigorosamente lungo la parete e le necessarie soste di decompressione vengono effettuate all'interno di un'unica piccola insenatura della costa dove il fondo degrada in modo meno vertiginoso.
Punta Carena

Punta Carena

Probabilmente è l'immersione più bella e spettacolare che si possa fare nei fondali dell'isola di Capri ma, allo stesso tempo, la forte corrente (spesso presente) ed il continuo passaggio di imbarcazioni, la rendono adatta solo a subacquei molto esperti. Come suggerito dal nome, la morfologia dell'immersione ricorda esattamente la carena capovolta di una nave. E' infatti un costone roccioso che si protende per diverse centinaia di metri verso il largo, raggiungendo subito notevoli profondità. Grazie alle correnti dominanti, la parete del versante meridionale esplode di colpo in tutti i suoi colori e forme, con la fitta presenza di gorgonie gialle e rosse. Banchi fittissimi di Anthias nuotano a fianco della parete formando dei veri e propri muri viventi ed anche l'incontro con pesce pelagico è sempre una certezza. La parete si fa sempre più bella e ricca man mano che ci allontaniamo dalla terraferma e procediamo lungo il costone fino a raggiungere degli anfratti: ovvero due fenditure verticali tappezzate di gorgonie, da entrambi i lati, con enormi spugne al centro.
SUBAIA CAMPANIA DIVERS by Sealand Adventure s.r.l.
Sede operativa: Via Lucullo 51 | Baia | 80070 Bacoli [NA]
Tel.: + 39 081 8545547 +39 338 31 58 841 Edoardo | +39 333 53 93 675
Powered by Mosajco CMS
Mosajco